Archive for Maggio 2004

30 Mag 2004

only for me, per quando mi rincontrerò con me stessa tra trent’anni

Filed under Senza categoria

Imagine
John Lennon

Imagine there’s no heaven, it’s easy if you try
No hell below us, above us only sky
Imagine all the people living for today, ah-ah
Imagine there’s no countries, it isn’t hard to do
Nothing to kill or die for, and no religion, too
Imagine all the people living life in peace, you-oo
You may say I’m a dreamer
But I’m not the only one
I hope someday you’ll join us
And the world will live as one
Imagine no possessions, I wonder if you can
No need for greed or hunger, a brotherhood of man
Imagine all the people
Sharing all the world, you-oo
You may say I’m a dreamer
But I’m not the only one
I hope someday you’ll join us
And the world will live as one

Immagina

Immagina che non ci sia il paradiso, è facile se ci provi
Ne l’inferno sotto di noi, sopra di noi solo il cielo
Immagina tutta la gente che vive giorno per giorno
Immagina che non ci siano nazioni, non è difficile
Nulla per cui uccidere o morire ed anche nessuna religione
Immagina tutta la gente che vive in pace
Potresti dire che sono un sognatore
Ma non sono l’unico
Spero che un giorno ti unirai a noi
E il mondo vivrà come se fosse uno solo
Immagina che non ci siano proprietà, mi chiedo se ci riuscirai
Nessun bisogno di avidità o brama, una fratellanza dell’uomo
Immagina tutte quante le persone
Che condividono il mondo intero
Potresti dire che sono un sognatore
Ma non sono l’unico
Spero che un giorno ti unirai a noi
E il mondo vivrà come se fosse uno solo

in questi giorni “strani”, in questi giorni di venti d’odio, di guerra, di intolleranza …vorrei che una sorta di miracolo fondesse all’aria calda o fredda che percorre il mondo le note di questa canzone, tradotta in tutte le lingue del mondo
vorrei che tutte le menti si fermassero un istante a pensare al significato di queste parole..vivere giorno per giorno…non pensare all’accumulo di beni, alla smania di possesso: godi di quel che ti serve, perchè togliere ad altri oggi quel che non sai se ti servirà domani?
perchè tanto odio? come si può fare ad un altro essere umano cattiverie così assurde?…non riesco a pensare ad urla di dolore ascoltate con piacere, vorrei davvero poter guardare negli occhi coloro che commettono questi atti e trovare il vuoto dentro: sarebbe terribile trovare dietro un’anima…che anima sarebbe? come si potrebbe spiegare le atrocità che qualcuno commette?
nessun bisogno di avidità o brama…nessun desiderio di possedere chi non vuole essere posseduto, nessun male sui bambini, nessun male sugli inermi, nessun male su analfabeti, affamati ed assetati che ci sono in giro per il mondo.
ogni tanto leggo articoli su una rivista che viene inviata a chi sottoscrive adozioni a distanza (granello di senape n.d.a.), leggo di quanto poco basti a rendere felici queste persone, dignitose nella loro umiltà, grandi per la loro umanità, e mi sento colpevole per ogni bicchiere d’acqua, mi sento colpevole per ogni centesimo speso in sciocchezze, mi sento colpevole per ogni briciola di pane che butto, per ogni volta che in macchina o in ufficio accendo il condizionatore, per ogni batteria usata che butto via,…ed anche se non ho buttato il vecchio pc nel cassonetto ma l’ho regalato, anche se non ho buttato il vecchio cell. ma lo tengo in borsa per chissà quale emergenza…penso a tutte le batterie usate, a quanto sporco questa nostra piccolissima terra.
certo…faccio la raccolta differenziata…certo, ma…sarà sufficiente?
si…cerco di non seguire le mode per non spendere troppo in abbigliamento così posso aiutare chi ha più bisogno, ma…sarà sufficiente?
e quando….tra trent’anni il mondo conoscerà le guerre di chi muore di sete (l’acqua diventerà più preziosa del petrolio), io….si io…mi guarderò allo specchio e mi dirò: cosa hai fatto tu per evitare che ciò accadesse? e cosa mi risponderò? bhe’….hai riciclato le lattine…non stavi a lavare la macchina tutte le settimane per vederla lustra e contemporaneamente inquinare, ecc.ecc….ma mi sentirò in questo modo meno colpevole? non lo so’…davvero non lo sò.
e cosa faccio oggi per evitare altre morti? niente…assolutamente niente…non mi sento meno “colpevole” perchè ho acquistato la bandiera della pace, a cosa serve se non operi attivamente perchè pace sia?
un altro punto interrogativo, come se non bastassero gli altri.

Commenti disabilitati

28 Mag 2004

punti interrogativi

Filed under Senza categoria


se fossi un carattere di questa tastiera sulla quale scrivo….certamente sarei un punto interrogativo.
Sto’ ascoltando un gran bel brano di musica jazz…morbida, sensuale e vitale al tempo stesso…mi viene in mente la canzoncina degli Aristogatti: tutti quanti voglion fare jazz perchè resister non si puo’ al ritmo del jazz…
? da dove nasce la mia insicurezza?
? da dove esce la mia fame d’amore?
? perchè io non ho ancora imparato ad amarmi?
? perchè non me ne ero accorta fino a pochi anni fa’?
? perchè non ritrovo stabilità?

…cerco un centro di gravità permanente che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose – sulla gente…. avrei bisogno di….

quando questi pensieri finiranno di sconvolgermi la testa?
Ho tentato tante cose…tante…fuorchè arrendermi a questa vita che non voglio più.
Annaspo, combatto…ma è come se mi trovassi sempre più in basso e sempre minore forza di volontà di tornare a galla.
Forse mi manca un vero movente…una meta.
Non ho mai avuto desideri per me…questo è il problema.
Qualcuno da amare, a cui dedicare tutti i miei atti, i miei pensieri, da quando aprivo gli occhi al mattino a quando il sonno mi vinceva la sera…questo era lo scopo della mia vita.
ora cosa penso?
penso alla canzone di Masini: io non ti sposerò.
mi sembra di non aver mai sentito parole più sagge in tutta la mia vita:

io non ti sposerò perchè non sarei io
la vita la vivrò amando a modo mio
io non pronuncerò le solite promesse davanti alla città e a un Dio che io non sò
io non ti sposerò per bruciare lentamente ogni emozione
e cadere in braccio all’abitudine
per addormentarsi alla televisione in pantofole
io non ti sposero’ per credere all’idea che quando lo faro’
sarai per sempre mia
non ti regalero’ carezze e tradimenti
la nostra dignità io la difenderò
– ma non ti sposerò -
io non sorriderò nella fotografia della felicità che il tempo porta via
io non ti chiederò di rinunciare al mondo
all’eventualità di dirmi anche di no
io non ti sposerò per riempire i nostri vuoti con un figlio
e non fare più all’amore prima o poi
ma cercare in fondo al cuore un po’ d’orgoglio
per salvare lui…
io non ti sposerò
per quello che non sei
e se ti perdero’ tu non ti perderai
saremo solo due canzoni senza tempo
le mie come le tue che sempre cantero’
…ma non ti sposerò – io non ti sposerò
PERCHE’ L’AMORE E’ UN ALTRO SI
CHE NON SI PUO’ PRETENDERE
TI SPINGE ALL’ANGOLO DEL RING …MA TI FA’ VIVERE
LO SO’…. e non ti sposero’
e allora amore mio abbraccia questa vita nella sua libertà
con me ti porterò…
…….e lì ti sposerò.

sognare…forse è per non sognare che non vado a dormire? …..hahhahhahah
chi mi conosce risponderebbe che non dormo per i 7/8 caffè quotidiani che mi prendo…ma loro non sanno che sono i pensieri che non vogliono lasciarmi stare e non mi mandano a dormire.
Domande…domande alle quali non trovo risposta.
perchè non mi accontento? perchè?
perchè … se ci penso bene, le persone che amo di più sono quelle che pretendono di più da me, quelle che mi sfuggono…quelle per le quali c’è da lottare?
e perchè poi…se mi ritrovo ad aver vinto…mi rendo conto che…non avrei dovuto lottare per avere amore…che avrei voluto averlo “gratis”…avrei voluto essere amata semplicemente per come sono?…perchè mi sembra che devo sempre “sudare, conquistare, pagare” ogni briciola d’amore?
e perchè se invece c’è chi dice di amarmi senza chiedermi nulla mi sembra che nutra un sentimento di qualità inferiore?
uffffffffffffff
forse il problema è aver nutrito troppo tempo dentro di me pensieri di infelicità che qualcuno (lui) mi ha lasciato come dote ed io li ho tenuti, coltivati…come un suo dono d’amore…un dono d’amore che lentamente si è mangiato la mia voglia di vivere.
storia di una lacrima…questa canzone mi dedicasti un tempo incalcolabile fa’…e tante altre storie di lacrime…che ho fatto diventare parte di me, della mia pelle, del mio corpo, della mia anima.
come estirparle? ma soprattutto…voglio estirparle? toglierle vorrebbe dire ripudiarti…come faccio a farlo?
ed io qui…a scrivere di te…di te che pochi minuti fà per l’ennesima volta mi avevi detto parliamo, preannunciandomi che mi avresti detto cose che mi avrebbero fatto male…invece? all’ora giusta non c’eri…poi…mi hai chiuso il tel in faccia.perchè? hai deciso di “graziarmi”? o hai “finalmente” deciso di non dirmi il famoso Basta, semplicemente non parlandomi più?
una nota positiva….non ho pianto quando il tuo cell era spento…oramai non mi fà più male, la soglia del dolore si è molto innalzata.
mi ripeto forse…ma è una verità che ho imparato:
ciò che non ti uccide ti rende più forte.
bhe’…se non la smetto qui non la smetto più. basta scrivere, anche se i miei pensieri trascritti sono più facilmente imbrigliabili….sembra quasi che tutto trovi di nuovo un senso; ma domani mi aspetta un’altra dura giornata di lavoro, ed anche trascrivere i pensieri diventa un lusso.
notte….smack

3 commenti

27 Mag 2004

finitiiiiiiiiiiiiii

Filed under Senza categoria

hhhhhaaaaaa
sospiro di sollievo….
abbiamo terminato cinque minuti fà di inviare i bilanci in camera di commercio….starei benissimo, soddisfatta per il buon lavoro svolto, finalmente rilassata (almeno un pochino prima di riprendere con le altre scadenze) per il peso tolto…ma non è così.
mannaggia a questo stupido stupidissimo cuore.
cosa mi fa’ stare male? lui…sempre lui.
non ti sento da sabato alle 13.00…hai detto che avresti sfruttato ogni mezzo per non perdermi (ovviamente scehrzavi, come si evince dal seguito)…si è vero…io non ti ho più cercato assiduamente, anche se non lo faccio più da diverso tempo, ma anche tu non mi hai cercata spesso.
oggi hai chiamato e mi hai trovato in conversazione telefonica…non sai con chi parlavo, non sai di cosa.
Ma…hai pensato bene di mandarmi un sms…”Ormai è tempo perso, stammi bene.”
sai…vorrei dirtelo in faccia, guardandoti dritto negli occhi…vorrei sussurrartelo con un filo di voce, magari accarezzandoti il viso con lo sguardo (non oserei altro contatto) …così vorrei dirtelo: Giò…sono stanca, stanca di te, stanca di me stessa, stanca del lavoro, stanca di chi mi dice che mi ama, stanca!
forse è solo vera stanchezza per queste ultime due settimane di lavoro…
stanchezza per le incombenze che comincio a dover sbrigare da sola (anche se è stata una conseguenza di mie scelte)
ma mi domando…se sono io quella ormai stanca, quella che remava per due…se mi arrendo io…allora è davvero scritta la parola “FINE”?
sai…quella che tu chiamasti “Gongi girl”…mi ha detto che devo smetterla di trascinare il nostro rapporto…ha liquidato il discorso con poche parole: se vi perdete, chi realmente ci perde è lui, devi convincertene.
ma tu sai che io non sono tipo da farmi dire dagli altri quello che devo o non devo fare, ovvero…posso chiedere consiglio, ma le decisioni le prende la mia confusa testolina.
cosa farò domani? forse mi svegliero’ con tanta voglia di vivere, di sentirti di nuovo, di dirti che sei sempre nel mio cuore e che non voglio perderti, forse …
per ora ho voglia di mandarmi un sorriso, un sorriso dolcissimo tutto per me, avvolto nella tenera sensazione di aver bisogno di un semplice caldo abbraccio, un’oasi di pace senza pensieri, senza pretese di domani, un istante di tenerezza che duri un secolo.
qualcosa magari di piccolo ma vero e sincero.
sono stanca di amori giganteschi ma impossibili, stanca di desideri impossibili, stanca di “venditori di sogni irrealizzabili”.
ricordo altre tue parole …ancora mi chiedo perchè le pronunciasti:
ti dico quello che vuoi sentirti dire.
ma cosa ne sapevi tu di cosa avrei veramente voluto sentirmi dire?
volevo solo verità…ecco cosa avrei voluto sentirmi dire, la verità.
bhe’…ho ancora mille cose da fare al lavoro…fine della leggittima piccola pausa.
buon lavoro a tutti coloro che lavorano! smack

Commenti disabilitati

26 Mag 2004

per aspera ad astra

Filed under Senza categoria

ovvero “Attraverso le asperità si arriva alle stelle.”

La crescita dell’uomo – come la crescita della natura
gravita all’interno -
L’atmosfera e il sole la ratificano -
ma essa si muove – da sola -

Ognuno – il proprio ideale assoluto
deve raggiungere – da solo -
in solitudine, con il coraggio
di una vita fatta di silenzi -

Lo sforzo è la sola condizione -
La sopportazione di se stesso
la sopportazione di forze contrarie
e un credo intatto -

Fargli da spettatore – è compito
del suo pubblico -
La trattativa però – si svolge senza assistenza -
senza incoraggiamento.
(1863) sempre lei…Emily Dickinson

…quante volte in questi giorni vorrei aver scritto i mille pensieri che mi passavano per la testa…sopportazione di me stessa, sopportazione di forze contrarie, come mi è diventato difficile sopportare.
Domenica è stata una giornata di quelle strane.
Mille cose da fare, ma è stato come se qualcuno avesse messo alterato un ingranaggio del mio orologio biologico…e mi sembrava che il tempo non passasse mai.
i minuti passavano con il peso di ore…sbrigavo i vari impegni in un tempo che sembrava ossessivamente lungo..di un’opprimente lentezza.
Non so’ descrivere le sensazioni di questi giorni
sembra finita la rabbia, terminato il dolore, scomparsa la voglia di lottare.
i minuti scorrono lenti…la mente gira a vuoto, mille pensieri che pero’ non hanno meta, gironzolano tra i ricordi, …non riesco a focalizzare nuovi obiettivi.
si…forse il problema è questo: il mio animo guerriero deve trovare nuove sfide.
un pensiero felice …provo un’immensa felicità ad ammirare scorci di prati brillanti dei colori di fiori semplici…papaveri, margherite, altri dei quali non conosco o non ricordo il nome…ma soprattutto i papaveri.
Sono splendidi…resto rapita ad osservare dei tratti nei quali le macchie di colore rosso sono tantissime…e vorrei fondermi in quel tripudio di colori…essere un insetto..che ne so’, magari un’ape.
e questo mi ricorda un piccolo brano di Trilussa:

un’ape se posa su un bocciolo de rosa,
lo succhia e se ne va’.
tutto sommato, la felicità è una piccola cosa.

La felicità…piccola effimera cosa.
se penso al tempo che perdo nell’ossessiva attesa di una telefonata, nell’aspettarmi giustizia e gratitudine nel mio piccolo mondo di lavoro…se perdo tutto questo tempo aspettando qualcosa …vivro’ in perenne attesa? ma chi me lo fa’ fare? la mia ingenuità, ecco cosa.
ancora ci credo…stupidottola che sono.
ancora credo in tutte le sciocchezze che mi hanno infilato in testa da piccola…il bene, la giustizia, l’uguaglianza, l’amore, l’amicizia…mi domando se sono o no tutte frottole.
la settimana scorsa mio malgrado ho fatto una specie di indagine comportamentale tra i miei amici e conoscenti.
Tutto nacque da un consiglio che dovevo chiedere.
se una persona (nel caso specifico una piccola persona, un bambino) subisce un affronto verbale, …come deve reagire? e un adulto a lui vicino, come si deve comportare?
bhe’,..alla faccia del porgi l’altra guancia!!!!
quasi tutti mi hanno detto che deve imparare a difendersi, che questo mondo è una giungla.
quindi…l’adulto dovrebbe insegnare al piccolo che non deve subire sopprusi, che deve contrattaccare, …. non farsi mai prevaricare.
…che dite?bello….veramente bello.
peccato che a me è stato insegnato il contrario…
“fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te, non fare cio’ che per te non vuoi”
“fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci”
ecc….ecc…
mi domando: ma i miei educatori erano imbecilli??o vivevano in un mondo completamente diverso da questo?
oppure erano degli inguaribili sognatori che mi hanno passato i loro sogni come qualcosa di contagioso?
meglio andare a dormire…oppure una bella partita di biliardo in rete…meglio non pensarci.
smack

1 commento

21 Mag 2004

perchè??

Filed under Senza categoria


perchè gli uomini che capitano nella mia vita sono stupidi?
non mi va’ di generalizzare e pensare che lo siano tutti…ma …per la barba di Nettuno, possibile che capitino tutti a me quelli stupidi?
Caro M….tu me lo hai detto.
“ti sei innamorata di uomini stupidi”
bhe’…. forse ti consideravi eccezione…invece….
sto ascoltando le canzoni che mi hai mandato sabato sera…
Sono dolcissime, morbide note colme di rimpianto e di preghiera di far si che tutto torni come prima.
Mi mandavi queste canzoni mentre mi dicevi di non volermi sentire più.
L’ho sempre pensato…il mio cruccio maggiore sarà quello di non aver mai capito chi sei veramente, cosa veramente provi per me.
Per mesi non mi hai più detto che mi amavi….in questi giorni quando ci sentiamo lo ripeti spessissimo, trovi varie forme per dirmelo.
dovevi proprio aspettare che io … ti sfuggissi dalle dita per farlo?
ti ho detto che mi sento con un’altra persona…tu sai che non ho problemi a ..diciamo così essere corteggiata. Per due anni ci sei stato solo tu…il sogno di te nella mia vita, ora…ho deciso che volevo farmi un futuro vero, con qualcuno che mi dicesse di nuovo ti amo.
anche se…non mi è mai mancato chi me lo diceva… in fondo lo sapevi, come sapevi che per quanto mi cercassero il mio cuore era tuo.
……ma io….sono confusa.
Non capisco più gli uomini…non capisco più me stessa.
Comincio a domandarmi cosa voglio davvero.
Fino a 2 mesi fa’….volevo solo che tu mi amassi almeno la metà di quanto ti amavo io, almeno la metà dell’amore che mi dimostravi quando dovevi “conquistarmi”.
A ripensarci ora…quasi quasi sono orgogliosa di me.
Ormai ti conosco bene…hehehhehe…se ripenso agli orari assurdi che facevi, al tempo che rubavi al lavoro e al sonno per stare con me…
me lo ripeti spesso ora che hai fatto follie, sciocchezze per le quali poi ti è stato presentato il conto, ma io ne ero inconsapevole.
Godevo della tua vitalità che unita alla mia faceva faville…quanti sogni…quante ore trascorse a parlare, giocare, sognare.
Si parlava di errori…della vita che ti gioca strani scherzi….di te che volevi ricominciare…fino a quel maledettissimo giorno.
certo…tutto comincio’ da prima…era novembre 2001 che mi mandasti Goodbay
ed io ci stetti male tantissimo…
ma il giorno maledetto fu quella domenica solare ma fredda di gennaio.
Non la dimentichero’ finchè avrò vita.
mi mandasti un sms….”ho bisogno di parlarti”
mi inventai la scusa più stupida del creato per uscire, e finii con il passare con te il resto della mattinata, la passai a sentirti piangere per un’altra.
Non ti dissi nulla…ti confortai.
Sapevo che lei c’era, sapevo che non era scomparsa…sapevo che le volevi bene…ma….non sapevo che …per lei avresti voluto morire.
Ti sono stata vicina…ti ho ascoltato.
Ogni tua parola era una coltellata nel mio cuore, ma io …dovevo essere forte per te. Ti consigliai cosa era meglio fare..ti aiutai…tu sai bene come (da quel giorno mi hai ripetuto sempre che io ho un cuore grandissimo).
Fui forte con te al telefono…razionale…ti aiutai a superare quel momento, e tutti gli altri momenti brutti che seguirono.
Ti amavo così tanto…ti ho dato la mia forza, ma più ne davo a te e più me ne privavo io.
Quella mattina ti lasciai che stavi meglio…rincuorato, con le idee più chiare sul da farsi; io rientrai in casa e cominciai a singhiozzare…singhiozzare di dolore come se mi avessero spaccato il petto in due parti.
Passavo il tempo in casa piegata in due dal dolore…e quando chiamavi tu tornavo forte, facevo finta di “dimenticare” che eri l’uomo che amavo e ti ascoltavo parlarmi di lei.
lei…sempre lei…
oggi…lei per te non conta più nulla, mi hai ripetuto anche oggi che non solo non l’ami più, ma non la stimi, forse ti fa’ solo pena.
ma per lei hai perso me.
sono molto belle le canzoni che mi hai mandato…
non le ho ascoltate domenica come mi avevi chiesto, ero in condizioni troppo precarie per farlo. Non sapevo cosa contenessero i testi, e non ero pronta ad accuse o altre parole di abbandono.
Non sono riuscita a non piangere anche domenica…bella figura ho fatto con i parenti di fuori…mi sono inventata che avevo usato uno struccante al quale ero allergica per giustificare gli occhi gonfi.
Ma in che modo giustificare le lacrime che furtive ogni tanto scendevano?
Ed ora mi domando…perchè quelle lacrime? perchè mi hai detto di nuovo “addio” per esserci di nuovo il giorno dopo? Perchè sei così crudele con me? ……io non so’ più se voglio sentirmi dire che mi ami…non lo so’ più.
Non so’ cosa provo per quest’uomo che mi cerca…mi ha aiutato a tornare a sorridere…ed ha imparato ad amarmi…mi odierei se lo facessi soffrire, ma mi chiedo se lo sto’ illudendo.
Perchè le cose non sono semplici? Perchè lui che era mio amico si è innamorato di me?…ogni tanto mi chiede perdono perchè gli è accaduto..sa’ che mi provoca dei dubbi atroci, sensi di colpa per non sapere cosa fare, chi sentire…è tutto assurdo.
Talvolta vorrei sparire…non essere mai nata.
Se io non fossi…non ci sarebbe dolore e non potrei dare dolore.
eppure mi dicono che io do’ vita…che sono solare, allegra…
una nessuna e centomila
sorrisi, lacrime, risate … ma perchè talvolta mi assale un disgusto della vita? perchè sento un fortissimo senso di nausea…una voglia pazzesca di dire basta a tutto?
………fermate il mondo, voglio scendere!

3 commenti

16 Mag 2004

non ti permetto di dirmi addio

Filed under Senza categoria

no……..non ti permetto di dirmi addio
addio si dice in due
quando non c’è più nulla da dire o da fare
quando tutto è inutile e vuoto
per entrambi.
No…tu hai detto addio…ma io non ti ascolto.
Io non posso dirti addio……..no
no……non posso.
Ti promisi che ti sarei stata accanto
e non mancherò fede alla mia promessa.
Cerchero’ di non farti del male mai…….cercherò
ma……..non ti posso permettere di spezzarmi il cuore.
nel mio cuore……ci sei tu.
e se tu ne esci……..te ne porti via un pezzo.
no…….non ti permetto di dirmi addio così
NO
Io ho ancora qualcosa da dirti……devo ancora guardarti una volta negli
occhi……e poi…….ti diro’ addio.
rimarrà questo blog
ci parlero’ con te
come ho fatto altre volte…
tutte le volte che mi hai chiuso fuori…solo per poco
stavolta hai detto che è per sempre…….
a lei no….a lei non l’hai lasciata fuori per sempre
a me si!
vorresti dire che io sono diversa?
mi hai detto che non devo scrivere nulla di te qui……ho mantenuto la promessa finchè ci sei stato….ma non lo faro’ più se uscirai dalla mia vita.
Devo impedire alla mia mente di dimenticare, non voglio dimenticarti
no…….non voglio dirti addio, resterai sempre con me, sempre.
2 aprile 2002…..ore 13.15…ho sentito per la prima volta la tua voce…tutto ha cominciato a prendere forma.
oggi…..alle 13.15 ho sentito la tua voce……mi hai chiesto se gli ho detto che lo amo. Ti ho risposto di no. Abbiamo parlato dei virus del pc…
mi hai detto di fare delle cose…ed io ho detto: Mi fido di te.
e tu mi hai risposto: fai bene a fidarti…
stasera ti mando il programma…..
e con il programma mi hai anche dato la tua sentenza definitiva.
ma…….io sono dura….lo dicesti tu…..una con le palle.
non ci sto’
aspettami….me lo dirai in faccia addio.
dovessi fare un macello della mia vita……tanto……quando non si ha niente da perdere si è pericolosi…..ed io…non ho nulla da perdere.
Per me l’unica cosa importante è l’amore……tutto il resto è nulla.
certo…..non sono una pazza come qualcuno comincia a credere…
non verro’ come ha fatto L. con le valigie in mano a metterti nei casini…no…non lo faro’.
tornero’ a casa da sola…come saro’ venuta.
Lui è rientrato…mi ha trovato in lacrime.
Mi ha chiesto: cosa hai fatto?…io gli ho detto “niente”
“ma se si vede che stai piangendo”
non gli ho risposto.
…..non ha insistito…non gliene importa nulla ormai.
domani non potro’ soffrire, non potro’ piangere.
ci saranno loro….ed io dovro’ essere sorridente, allegra…
si…ci riusciro’….ci riusciro’ aggrappandomi alla certezza che ti rivedro’.
hehehhe…….ripenso ora a quante volte prima di ora ho pianto disperata perche’ pensavo fosse l’ultima.
non ti ho permesso di dirmi addio. Ti ho chiuso prima che tu potessi farlo.
poi…..sono rientrata…c’eri….un triste monologo…chissà se hai letto il pvt.
Ti ho chiesto se potevo mandarti il file dei miei pensieri….hai detto di si.
Ricordo quando mi avevi promesso il tuo sasso….
quando mi avevi messo tra coloro che avrebbero avuto accesso al tuo file segreto…
tutto finito.
Mi hai ridetto …verro’ a prendere solo un caffeè per conoscerti…e poi me ne tornero’ indietro.
…….sono venuta io da te…..abbiamo preso il caffè ed un gelato.
non ci crederebbe nessuno che in tre anni che ci conosciamo questa è stata la nostra realtà: un caffè ed un gelato….
c’è il gusto al cocco?…si…e tu te lo sei fatto mettere.
e quando dovevi pagare il caffè?il barman faceva quasi finta di non vederti.
e quando ci siamo salutati? e il tuo cappellino? e la camicia stropicciata? e le tue mani? e la giravolta che mi hai fatto fare?…e la paura…di perdere l’aereo.
e ….la paura quando l’ho preso…..sola.
da sola……verso l’ignoto.
ti mandai un sms: meglio fingersi acrobati che sentirsi dei nani.
mi sentivo l’essere più fragile dell’universo…ma a chiunque ho raccontato cosa avevo fatto..mi ha risposto che non ne avrebbe mai avuto il coraggio.
Coraggio?quale coraggio? solo la forza della disperazione, l’orgoglio…la stessa sensazione di ribellione al senso di frustrazione che provo ora.
verro’ da te…ho deciso.
Tu l’hai detto…sei come un trattore.
quando decidi una cosa…non ti ferma nessuno.
voglio rivederti……perchè non lo so’, …ma lo faro’.
forse è solo ripicca…….non accetto il tuo chiudermi fuori.
forse è amore …forse sono le mille domande senza risposta che mi spingono a farlo.
quanto ci mettero’? mi informero’…….penso di farcela con 16 ore di viaggio tra andata e ritorno…..quindi….un fine settimana.
scusatemi voi che leggerete questo post…..ho scritto a ruota libera…ma non potevo frenare cio’ che i miei ricordi dettavano alle dita.
sono in uno stato emotivo ……assurdo.
un mal di testa pazzesco….è da quasi tre ore che piango e non riesco a smettere……con tutto quello che ho da fare domani….
ti amo…..e te lo ripetero’ qui…ogni volta che ne avro’ voglia.
alla faccia del tuo: non ti merito, non merito la felicità, non merito niente di bello.
l’avevo capito che eri tu ad avere il brutto vizio di allontanare chi puoi far soffrire..ma non me……ti sarà difficile.
non mi importa della distanza…non mi importa del costo.
forse mi importa del tempo….si….ne ho pochissimo, ma nulla mi impedirà di fare cio’ che ho deciso ora.
devo solo parlarne con la persona giusta…..lei mi aiuterà, come l’altra volta che mi hanno aiutato tutti…tutti coloro che mi vogliono bene.
ora…….mi domando se…..domani mattina penserò le stesse cose, se invece capiro’ il tuo “sacrificio”
oppure se mi diro’ che sei un attore che ha concluso l’ultimo atto degnamente…
oppure..se…non so’
mi daro’ una spiegazione che mi darà pace…
come dice una delle tue canzoni….Pace sia per l’anima e la mente…..
mi hai detto di ascoltare domani le canzoni che mi hai mandato.
non lo faro’……….starei troppo male.
le ascoltero’ quando saro’ di nuovo forte a sufficienza per non piangere a dirotto nuovamente per tre ore di fila come stasera.
e magari…nel frattempo……come tante altre volte…….ci avrai ripensato…..e ………..aprirai di nuovo la mia finestra sulla tua vita…e mi farai respirare un po’ della tua aria che mi riempie di ossigeno.
in un modo o nell’altro…….a presto mv

4 commenti

13 Mag 2004

pensieri

Filed under Senza categoria

la guerra….
pensieri alla rinfusa su cio’ che vedo e sento …ma solo tramite echi che arrivano da molto lontano.
arrivano da immagini viste di sfuggita alla tv
arrivano da foto pubblicate al solo scopo di vendere di più
arrivano da brandelli di ricordi di mia madre
la guerra…per me solo sensazioni…pallide sensazioni del vero orrore che nasconde questa parola.
parlare di qualcosa che non conosci…che stupidità
è come parlare della fame…ma se non l’hai mai provata, di che parliamo?
eppure…non posso fare a meno di pensarci perchè sarebbe inumano fare finta di nulla se lo sai.
e di tutte le atrocità che non sappiamo? …viviamo come se nulla fosse…tanto…l’ingiustizia, il dolore, la cattiveria fanno parte di questo mondo come e più di ogni altra cosa, dicono che dobbiamo imparare a conviverci…dicono…
bhe’ certo…bello far finta di nulla se il problema non è il tuo.
ma cosa fare?? scendere in piazza?? o cosa??
Io faccio una cosa sola, semplice: cerco pace nella mia vita ed insegno cosa significa pace a chi cresce con me, ed anche questo è difficile a questo mondo…
anche in un microscopico nucleo umano è faticoso mantenere la pace talvolta.

” sei sempre l’uomo della pietra uomo del mio tempo”

Anna Oxa in una canzone intitolata “Giovanni”…dedicata a chi non torna a casa …fà recitare queste parole come preludio:
“Chi fu il primo che inventò le spaventose armi?
Da quel momento furono stragi, guerre, si aprì la via più breve per la crudele morte.
Tuttavia il misero non ne ha colpa; siamo noi che usiamo malamente ciò che egli ci diede per proteggerci dalle feroci belve.”

su tutto aleggia un pensiero triste, angosciante …e se domani la guerra fosse qui?

Commenti disabilitati

11 Mag 2004

non voglio essere un giocattolo

Filed under Senza categoria

sono al lavoro…non dovrei pensare a te.
ho milioni di cose da fare
ma ho una voglia pazzesca di piangere
non posso farlo
ho una rabbia addosso che non posso sfogare
….ricordo
ricordo quando mi chiudevi fuori dalla tua vita
ed io passavo le mattinate a piangere…
piegata in due dal dolore come se mi avessero preso a pugni nello stomaco
ti ci vuole poco…
basta spegnere quel c***o di cellulare ed io per te
non esisto più
anche adesso…in me c’è una rabbia che so’ già che passerà
rabbia non solo con te per l’ennesima volta che scappi
si….scappi
cos’altro è quel cellulare spento?
solo una fuga
tu non sai che io se volessi potrei farti del male
chiamare dove so’ che puoi rispondere
ma non l’ho mai fatto.
e non lo faro’ mai
mai IO farei del male a TE
anzi…sono arrivata al punto di non parlarti del mio dolore
Tu non sai quanto sono stata male per te,
ti ho protetto dal mio dolore, vigliaccamente,
avevo paura che ti spaventasse e che scappassi via
allora l’ho tenuto, tenuto dentro
per te solo sorrisi, fuori…lacrime
anche questo blog, è nato per Te
per te quando non c’eri
per te…per sfogare la rabbia come ora
per dirti le cose che non ti posso dire.
e quando te l’ho detto, mi hai detto: ma te la smetti di fare la bambina??
certo…non ti ho detto che qui ci sono tutte le parole che tu non vuoi sentire…no…non te l’ho detto.
tu sai solo che tengo un diario…ma d’altra parte…fino a due settimane fa’ a te non importava molto di ciò che facevo o non facevo…potevi stare senza di me anche per 15 giorni, mentre io impazzivo.
perchè nella mia mente tutti i ricordi sono splendenti?
tutti…quelli belli e quelli brutti…tutti
tutte le cose belle..splendide…meravigliose che mi dicevi e mi dici quando vuoi.
tutte le cattiverie…tutti i vuoti
ma non voglio dimenticare.
vorrei solo non essere un giocattolo del quale ti ricordi ogni tanto.

2 commenti

11 Mag 2004

..basta!!!

Filed under Senza categoria

basta…e non è una supplica.
basta è una parola…detta a voce alta e ferma…
poi…il mio cuore batte velocissimo…magari il labbro dopo inizierà
a tremare sentendosi colpevole per la parola appena pronunciata, parola
che ho ascoltato solo io, ma che è come se l’avessi urlata ai quattro venti.
Basta…non posso fare a meno di pensarti nella mia vita, ma neppure posso
permetterti di farmi del male ogni volta.
o forse non sei tu che me ne fai. Sono io???
Ci siamo parlati per neppure 60 secondi…ed io starò male tutto il pomeriggio.
Non mi hai detto cose particolarmente spiacevoli…no.
Mi hai solo (come sempre del resto) fatto sentire colpevole.
Colpevole di cosa? Di aver detto basta al dolore.
Mi avevi avvisato…ogni risata sarà pagata con lacrime amare…ma non avevi detto che per una risata avrei pianto 100 volte.
Mi hai detto tante volte “Lasciami..non sono la persona giusta per te, ti porterei solo una vita di sofferenza.”
e tu sai…che se non mi avessi chiuso la porta in faccia mille e mille volte…io avrei continuato a sperare che domani sarebbe finito il dolore…che il mio amore ci avrebbe tirato fuori da tutto questo.
…ma mi sbagliavo….chissà cosa volevi tu.
ma allora….perchè ora che ho deciso di ricominciare a ridere…la cosa ti fa’ male così tanto (almeno sembra) da cercarmi quando te ne ricordi per rimproverarmene?
…basta…..
………….basta………
……………….basta………..
Non credo che riuscirò mai a non amare l’uomo che ho trovato in te, …
ma …basta al dolore.
Non lo sopporto più
non ne posso neppur sentir parlare più…
quando ho visto le immagini in tv di cio’ che hanno fatto a quei poveri disgraziati…ho solo pensato che mi vergogno di essere un essere umano e poi ho cancellato l’immagine dalla mente.
Non voglio sentir parlare di dolore e ingiustizie per un po’…non reggerei.
ho bisogno di ridere, di tornare a ridere!
cercami ancora, ho bisogno di sapere come stai…cosa fai…ma non farmi del male …per favore.

Commenti disabilitati

05 Mag 2004

ho voglia di primavera

Filed under Argomenti vari

cosa voglio?
Ho voglia di dormire dopo aver girato metà della notte per la città
Ho voglia di fuggire da quello che non sento mio
Ho voglia di giocare con un cane..magari un pastore tedesco alsaziano
Ho voglia di accarezzare un gatto dal pelo rossastro e il musetto dolce
Ho voglia di rotolarmi nell’erba fresca ed annusare l’odore dell’erba bagnata
Ho voglia di un caffè forte, scuro, dolce e caldo
Ho voglia di sentire il mio amico che fa’  il compleanno oggi e urlargli in un orecchio che gli voglio bene
Ho voglia di preparare biscotti con le nocciole
Ho voglia di dire sempre quello che penso ed essere capita ed accettata
Ho voglia di non leggere né sentir parlare di dolore
Ho voglia di correre sulla spiaggia alla tenue luce dell’aurora
Ho voglia di seguire le orme dei gabbiani sulla spiaggia
Ho voglia di mettermi a cantare “Lo zingaro felice”  anche se sono stonata
Ho voglia di mettermi a dieta “per davvero”
Ho voglia di cancellare la sensazione di malessere quando mi sento sempre sbagliata, insicura.
Ho voglia di piacermi perché piaccio a me, non perché possa piacere agli altri.
Ho voglia di guardarmi allo specchio e vedermi sorridere felice.
Ho voglia di trascrivere subito questo post..e non rimandarlo a domani.

Ho voglia di primavera.
smackkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk

3 commenti

Articoli precedenti »