Archive for Settembre 2011

29 Set 2011

leggera come un petalo…

Filed under Argomenti vari

…che cade portato dal vento.

Così voglio leggere il testo che segue….con dolcezza e delicatezza. Come se ascoltassi una voce soave che regala un monito…una speranza….

Già, perchè si invecchia….ci si indebolisce e si diventa più fragili. E quel che mi piace di questo scritto è la fragilità….la leggerezza. Non c’è imposizione, ma solo un invito a ricordare. Queste parole mi parlano d’amore, d’affetto, di gratitudine. E penso invece a quanto poco io ho di tutto ciò nelle mie corse frenetiche ogni giorno con la mia mamma. Lei, che vorrei vedere sempre efficiente, sempre forte, sempre sana. Invece il tempo non risparmia nessuno. E non vorresti vedere la sua debolezza, i suoi affanni, il suo rallentare e incedere incerto. Non vorresti. Ma lo fai. Perchè è tua madre…e merita tutto l’amore del mondo…Mamma, ti voglio bene anche se non te lo dimostro come vorresti, quando e quanto vorresti. Anche se non riesco a rispondere “si” a tutte le tue necessità…perchè la mia vita e la tua vita si sovrappongono…talvolta si scontrano..e talvolta invece diventano bei momenti. Vorrei essere migliore, perdonami se non lo sono.

……..lettera di un padre ad un figlio

Se un giorno mi vedrai vecchio: se mi sporco quando mangio e non riesco a vestirmi … abbi pazienza, ricorda il tempo che ho trascorso ad insegnartelo.

Se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose … non mi interrompere … ascoltami, quando eri piccolo dovevo raccontarti ogni sera la stessa storia finche’ non ti addormentavi.

Quando non voglio lavarmi non biasimarmi e non farmi vergognare … ricordati quando dovevo correrti dietro inventando delle scuse perche’ non volevi fare il bagno.

Quando vedi la mia ignoranza per le nuove tecnologie, dammi il tempo necessario e non guardarmi con quel sorrisetto ironico ho avuto tutta la pazienza per insegnarti l’abc; quando ad un certo punto non riesco a ricordare o perdo il filo del discorso … dammi il tempo necessario per ricordare e se non ci riesco non ti innervosire ….. la cosa piu’ importante non e’ quello che dico ma il mio bisogno di essere con te ed averti li che mi ascolti.

Quando le mie gambe stanche non mi consentono di tenere il tuo passo non trattarmi come fossi un peso, vieni verso di me con le tue mani forti nello stesso modo con cui io l’ho fatto con te quando muovevi i tuoi primi passi.

Quando dico che vorrei essere morto … non arrabbiarti un giorno comprenderai che cosa mi spinge a dirlo. Cerca di capire che alla mia età non si vive, si sopravvive.

Un giorno scoprirai che nonostante i miei errori ho sempre voluto il meglio per te che ho tentato di spianarti la strada. Dammi un po’ del tuo tempo, dammi un po’ della tua pazienza, dammi una spalla su cui poggiare la testa allo stesso modo in cui io l’ho fatto per te.

Aiutami a camminare, aiutami a finire i miei giorni con amore e pazienza in cambio io ti darò un sorriso e l’immenso amore che ho sempre avuto per te.

Ti amo figlio mio

………………….

1 commento

29 Set 2011

Per Te che sei….

Filed under Argomenti vari

me81

Parlano di te,
le stelle mentre io cammino
Parlano di te
i fiori ai bordi della strada
Come una poesia
ascolto le persone,
Tutti parlano di te, che sei nell’aria
vola un aeroplano e lascia la sua scia
scrive in mezzo al cielo il tuo nome in mezzo a un cuore
E sognare…
per te che sei, per te che sei
l’unica cosa che vorrei
per te che sei…. la mia vita

Passa il giorno, passano le ore
passa il tempo, passa anche il dolore
passa tutto ma tu non passerai…Amore….
Gira il mondo, passa la tempesta
cambia il vento e ritorna il sole
passa tutto ma tu non passerai
Perchè sei amore… sei amore…. sei amore

Parlano di te
i gatti sopra i tetti alti
Parlano di te
le auto sulla strada
e anche le case, i palazzi, la chiesa
un vecchio che litiga con la sua sedia
un bimbo che gioca col cane ed un pallone

Per te che sei
per te che sei … l’unica cosa che vorrei
per te che sei….. Sei amore
Passa il giorno, passano le ore
passa il tempo, passa anche il dolore
passa tutto ma tu non passerai…. Amore
Gira il mondo quasi inesorabile
passa un brivido come una vertigine
passa tutto ma tu non passerai…… Perché sei amore
Sei amore …
Sei amore… ( Sei amore…. yehehe )

Passa il giorno, passano le ore
passa il tempo, passa anche il dolore
passa tutto, ma tu non passerai…. Amore
Gira il mondo, passa anche l’estate
passa il caldo e passerà il Natale
passa tutto, ma tu non passerai ….. Perché sei Amore
Sei amore …
Sei amore …
Sei amore …
Sei amore …
Sei amore …
Sei amore … (Sei amore… Sei amore)
Per te che sei…
Per te che sei…
Per te che sei..
Sei amore…
Sei amore…
Sei amore…
(Paolo Meneguzzi – Sei Amore)

Commenti disabilitati

29 Set 2011

ufffaaaa

Filed under Argomenti vari

madagascar_01

possibile che non si possa mai vivere sereni?????

appena te ne stai sentimentalmente più tranquilla, tutto fila per il verso giusto e con serenità….puffffff

complicazioni al lavoro e la salute che si sbriciola.

uffffffffaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!

voglio andà in guatemala,….oppure in onduras….oppure in madagascar.

si….voglio aprire una “fattoria” in madagascar…con le persone che mi vogliono bene!!! tutti lì….e all’Italia mando le cartoline!!!!

…sto qui….baci a tutti!!! hahahahhahahah…mica male, no????

2 commenti

27 Set 2011

con un sospiro di sconforto….

Filed under Argomenti vari

Riporto integralmente il testo scritto da Antonio Gigliotti

http://www.fiscal-focus.info/editoriali/il-buon-esempio-nelle-difficolta,3,2996

Dove c’è una grande volontà non possono esserci grandi difficoltà. (Niccolò Machiavelli)

Penso a tre anni fa, al 2008, quando la punta dell’iceberg fece crollare tutto: i mercati finanziari, l’economia reale. Era arrivato il conto di anni passati a crescere senza regole nè limiti. Anni di sovraproduzione compensati da facili rateizzazioni. Sembrava che il peggio fosse arrivato. Ma c’era anche l’illusione di poter imparare dagli errori fatti, di cambiare l’etica degli investimenti. I politici di tutto il mondo avevano trasformato – a parole – una crisi pari a quella del 29 in un’opportunità. La green economy con le sue mille frontiere riempì per mesi le pagine dei giornali. Di tutto questo ben sperare resta ben poco. I risultati sono molto diversi dalle aspettative. E dopo tutto questo tempo siamo ancora nel bel mezzo di una crisi che, per ora, non passa. Gli Stati Uniti, faro dell’economia mondiale, parlano di default e si vedono declassare il debito. L’Unione europea vacilla e invece di trovare una politica economica comune si divide, tornando a parlare di “euro si, euro no”. L’Italia vara una manovra, anzi due, nel giro di pochissimi mesi, che in tutto costano 100 miliardi di euro. Una manovra che potrebbe salvare l’obiettivo del pareggio di bilancio, ma non arriva a far crescere il Paese. Nel frattempo anche per noi arriva una stima al ribasso del debito. La Grecia è letteralmente agonizzante.

Il mondo ha perso l’orizzonte. Quella linea che non esiste, ma che serve a puntare l’obiettivo. A dare la profondità al progetto. Un progetto che molti non sanno più come realizzare. Imprenditori, professionisti, lavoratori che non hanno più un Paese che pensa a loro. E così tutto si deprime. I rischi aumentano e la voglia di esporsi diminuisce. Meglio ritirarsi dal mercato che perdere tutto. Succede a chi possiede un’azienda, succede a noi commercialisti. Sì, proprio così. Perché nel nostro settore non è che le cose vadano poi meglio. Mortificati da un fisco sempre più opprimente, da adempimenti crescenti (inutili) e non retribuiti, la professione diventa piena di difficoltà e con tante responsabilità che addirittura, in alcuni casi, possono vanificare anni e anni di sacrifici. Di appelli alla Categoria, se ne sono fatti fin troppi. A volte hanno toccato nervi scoperti e animato dibattiti vivaci. Ma, come si dice, questo è il sale della democrazia. D’altronde l’appello – permettetemi di dirlo – proviene da chi ha a cuore questa nostra professione e si muove sempre e comunque dall’intento di migliorare il sistema in cui vive. L’attualità politica, economica è preoccupante. Questo è evidente. Dobbiamo cercare di salvarci come Categoria, di non essere appiattita dalle difficoltà che ci sono. Queste non devono essere per noi alibi, ma stimoli. Per questo è importante dare un segno di cambiamento non solo interno. Cerchiamo di tornare ad essere “trainanti” nel Paese, come già siamo stati tante volte. La riforma delle professioni ricalca la nostra esperienza. Questo è per noi motivo di orgoglio. Dobbiamo attrarre attenzione sulla nostra Categoria, attraverso la nostra professionalità, i nostri cambiamenti. Lasciamo da parte le belle parole, lasciamo da parte la politica e concentriamoci su di noi, sulla nostra professionalità e sulle nostre esigenze. Quando tutti i nostri iscritti, quando ogni commercialista, si sentirà considerato e sarà aiutato dai vertici nazionali, la Categoria potrà superare la crisi economica.

Nel corso di un incontro Ufficiale, il nostro Presidente della Repubblica Napolitano ha detto che “il 2011 è stato un anno estremamente difficile” ma “tutti noi, che abbiamo responsabilità nella guida del paese, abbiamo il dovere di darvi seriamente motivi di fiducia nel domani”. Beh, chi meglio del Capo dello Stato, può richiamare alla giusta direzione? Condivido in pieno, ma soprattutto accolgo l’invito. Consapevole che esistono persone che si sacrificano in primis per un mondo migliore. Persone che non sono neanche alla guida del Paese, ma che sono ispirate, nella loro quotidianità, dal bene comune e da valori sani dalle quali dovremmo prendere – con umiltà – esempio. Qualche giorno fa, mi trovavo a Torino. Sono andato a mangiare una pizza con un mio amico, in un locale dove c’era una giovane cameriera, semplice, ben educata e molto cortese. A fine serata, il mio amico mi ha detto che questa cameriera in realtà era una studentessa universitaria alla quale mancavano solo due esami per laurearsi e che tre mesi fa ha perso i genitori in un incidente in cui si è salvato il fratellino di 4 anni. Lei si è trovata a prendersi cura del bimbo, a lavorare come donna delle pulizie di giorno e la sera come cameriera. Al tempo stesso, cerca di finire gli studi.

Bene, cari amici, queste storie ci insegnano molto. Soprattutto che agire e reagire è spesso la chiave giusta per continuare a vivere, anche quando sembra difficile.

Ecco…io faccio parte del gruppo di quelli nel mare dello sconforto. Dopo mesi e mesi a dirti che il peggio passerà….adesso faccio parte della marea di quelli stanchi, demotivati…..sto qui a controllare le dichiarazioni dei redditi da spedire di clienti che non si sà se ti pagheranno il lavoro che fai….che non ce la fanno. Ed anche noi….siamo stanche e demotivate.
Si….la speranza c’è sempre…ma è sempre più debole. Ho letto questo articolo e….mal comune mezzo gaudio non funziona poi tanto.
bhò….io continuo a lavorare…ma è davvero dura pensare al futuro….davvero dura.
va bhè…un sorriso lo lascio lo stesso….finchè avrò respiro sorriderò!
:-)

Commenti disabilitati

27 Set 2011

24 settembre

Filed under Argomenti vari

Si riaccende la speranza
e dietro ci sei tu
Fra gli orrori e le miserie
sai brillare tu
Con i tuoi diciassette anni
senza scuse ne inganni
Sei così irripetibile sei
tu non cambiare se puoi
—Così tenero e discreto
solo te ne stai
a parlare al tuo diario
dei progetti tuoi
Di quella biondina che
ti gira attorno ma
coraggio non ha
di raccontarti
quella voglia che ha.
Mai più avrai sedici  anni
perché tanti timori poi
sciogli i tuoi capelli e vai
profumi già di uomo
Non tremare
spegni le candele dai
che fiato tu ne hai
A te buon compleanno
son qui felice sono anch’io
Ti guarderò spiccare il volo
e finalmente azzurro il cielo
e tu colomba
quanto cielo ancora volerai
(Si rassegna a malincuore
la tua bambola
sotto a quegli stracci
lei nasconde un’ anima
Stringila forte a te
certo ti mancherà
Le notti con lei
quanto pianto
s’è fatta anche lei)
Mai più avrai sedici anni
perché tanti timori e poi
sciogli i tuoi capelli e vai
profumi già di uomo
Non tremare
spegni le candele dai
che fiato tu ne hai
A te buon compleanno
son qui felice sono anch’io
Ti guarderò spiccare il volo
e finalmente azzurro il cielo
e tu colomba
quanto cielo ancora volerai

(buon compleanno – Claudio Villa, Renato Zero)

Commenti disabilitati

21 Set 2011

ricordi

Filed under Argomenti vari

Hai fatto tante cose nella tua vita.

Alcune sono passate velocemente, sono quasi scivolate nel susseguirsi degli avvenimenti e delle situazioni, altre sono state come dei piccoli punti obbligati, che ti aspettavano per donarti dei cambiamenti programmati, poche sono e saranno sempre accanto a te.

Sono quelle cose che, nel momento in cui accadono, hanno la capacità di aggrapparsi come fossero dotate di piccoli uncini che, penetrata la sottile pelle che riveste la tua anima, non si sfilano più.

In alcuni casi ne sei lieto, perchè nel momento in cui la tua mente le sorvola i minuscoli recettori di cui è composta si connettono ad esse, elaborano e traducono tutti i dati di cui sono composte e che arricchiti e spesso amplificati dalla loro permanenza a contatto con l’anima, restituiscono alla tua immaginazione sensazioni, emozioni, suoni, odori e persino immagini, quasi reali.

Rivivi, quindi, quei momenti e li riporti al presente rinnovando una sorta di piacere.

In altri casi…

In altri casi vorresti avere un laser potentissimo, e come si fa con i tatuaggi, andare a rimuovere la pigmentazione per ripulire la pelle e togliere così quel simbolo del passat che non desideri più addosso

Ma la pelle dell’anima non è come l’epidermide.

Non puoi cancellarne lo strato superficiale sapendo che gli strati sottostanti non sono stati toccati.

La pelle dell’anima è sottile, eterea, candida e soprattutto non ha strati.

I segni fatti su di lei rimangono evidenti.

Se poi il segno è stato inciso con forza, con una punta acuminata e spietata, che ha fatto sanguinare, allora il danno è permanente.

La cicatrice dell’anima non guarisce, i lembi non rimarginano, il sangue non coagula.

La cosa peggiore è che la mente continua a sorvolare quel punto e i suoi recettori ne raccolgono un unico dato, forte, vivo ed estremamente reale….il dolore.

La notte, il sogno e l’anima.

(Roberto Roberto)

Tempo fa lessi questo libro, bellissimo…scritto da una persona che conosco per lavoro.

Conoscerlo solo professionalmente e poi…leggere le emozioni che attraversano quest’uomo…fu emotivamente travolgente. Chi l’avrebbe mai detto? Che quel ragazzo che sembrava avere tutto di quel che si può desiderare al mondo in realtà ha versato lacrime di sangue, ha sofferto per amore così intensamente…..ha scritto pagine identiche, si…identiche..a pagine che avrei scritto anch’io ……chi l’avrebbe mai detto?

E’ davvero così facile nascondere se stessi al resto del mondo? E’ davvero così facile passare accanto a qualcuno, sorridergli, stringergli la mano senza sapere nulla, davvero nulla di quell’uomo?

si…è davvero facile.

facile chiudersi in se stessi, facile chiudersi in un bozzolo per proteggersi dal resto del mondo, facile preservare il meglio di noi stessi per occhi, orecchie, anime che possano capirci.

e così lui scrisse questo libro…..La notte, il sogno e l’anima. L’ho ritrovato ieri mattina….facendo ordine in casa. Ed ho svogliato velocemente le pagine, riletto alcuni passaggi.

Tante cose sono accadute nella mia vita dalla mia prima lettura a questa seconda lettura.

Sono cambiata, e cambiate sono le emozioni che provo leggendo…e me ne dispiace.

Me ne dispiace veramente tanto….ma……non rinuncerò mai alle vertigini del cuore, se lo facessi…morirei.

1 commento

19 Set 2011

i pezzi

Filed under Argomenti vari

penso che sia nel mondo materiale che nel mondo immateriale i pezzi si sistemino vicendevolmente.

Parlavo l’altro ieri con mia madre delle vicissitudini recenti a casa di mia cugina a seguito della nascita di una bellissima bimba.

Ci sono stati assestamenti in seno alla famiglia e riflettevo che dipende sempre dagli “spazi” anche virtuali che si prendono e si lasciano.

Mia cugina, neo mamma, ha i problemi di tutte le neo mamme appena tornate a casa ed inesperte al primo figlio. Risente della debolezza derivante sia da una gravidanza “difficile”, sia da un parto con complicanze. Avrebbe bisogno dell’aiuto del marito…che pare si sottragga e il posto “vacante” di aiutante è stato interamente assorbito dalla madre di lei. Non condivido. Ma ho riflettuto che per l’appunto…si tratta di pezzi che si incastrano l’un con l’altro ….volenti o nolenti. Non c’è ribellione, non c’è lotta…ma solo lamentele.

Mia cugina non si impone con il marito – almeno così mi vien detto – e lascia che a fare sia la volontaria classica..ovvero la mamma. L’informata di turno mi riferisce che lei ha tentato di chiedere aiuto al consorte…che nicchia.

Ma è evidente che se insistesse e manifestasse le sue ragioni il bravo papà dovrebbe rimboccarsi le maniche. Mettiamo il caso che la famosa nonna fosse stata una delle tante nonne lavoratrici…come fu mia madre quando capitò a me di diventare mamma. Con tutta la più grande buona volontà non avrebbe potuto essere presente per assolvere tutte le necessità….fare la spesa, cucinare, fare il bucato.

Aiutare si…ma con moderazione. Ecco…..mia personale riflessione: forse la nonna in questa situazione avrebbe dovuto dire qualche no…e lasciare che i due piccioncini divenuti genitori cominciassero ad assestarsi in una futura vita con maggiori impegni.

Ma ……ognuno ci mette del suo: cosa c’è di più bello per una nonna che essere al fianco di sua figlia neo mamma?

cosa ci può essere di più rassicurante e comodo di una mamma che sbriga le incombenze senza che si creino malumori e frizioni?

e cosa spingerebbe un uomo ad occuparsi di pappe e pannolini se c’è qualcun’altro che si prende la briga di fare al posto suo se il papà in questione è poco portato a faccenduole di storico appannaggio femminile?

…bhà….penso davvero che parlare sia facile, gestire le faccende umane difficile….dire i famosi no che aiutano a crescere difficilissimo.

i pezzi si incastrano…..e il puzzle….magari imperfetto si chiude lo stesso.

ma è così che va il mondo……in fondo…..noi esseri umani siamo meravigliosamente imperfetti….le mie sono solo riflessioni.

Auguri alla neo mamma e al neo papà….baci baci alla bellissima e buonissima piccina!!!

1 commento

18 Set 2011

talvolta

Filed under Argomenti vari

Flying_High_by_hesinmydreams

talvolta devi fare delle stupidaggini per ritrovare in se stessi le cose importanti della vita.

già…talvolta capita! e ti rendi conto dell’enormità che c’è….di quanto è grande quella luna nel cielo del cuore….quanto è grande….

buona notte mondo…..smackkkkk

Commenti disabilitati

18 Set 2011

il valore

Filed under Argomenti vari

“…il valore di una vita non è dettato da un singolo fallimento, nè da un solitario successo, e questo me l’hanno insegnato gli altri studenti.”

Citazione finale del film “Il club degli imperatori”.

E’ uno dei miei film preferiti in assoluto. Nella stessa lista con “Forrest Gump”, “Non ci resta che piangere”, “Grease”, ….e altri.

Ognuno di questi film mi insegna qualcosa di importante.

Forrest Gump personalmente mi parla della bellezza immensa, delle gioie illimitate della semplicità. E’ guardando al mondo ed alla vita con occhi semplici, con animo puro ed incontaminato che si può vedere il mondo senza avere paura. Purtroppo non c’è in tutti gli esseri umani quel pizzico di incoscienza del mondo che invece muove i pensieri e le azioni di Forrest….e ci si muove cercando sempre negli altri la scaltrezza, la cattiveria….ci si muove circospetti chiedendosi sempre dove sarà nascosto il pericolo…e temendo che magari sia proprio celato nei gesti di quel collega tanto gentile, di quel vicino tanto simpatico, dell’amico sempre sorridente.

già..perchè la vita come una strada piena di buche ti fa inciampare…e cominci a temere ad ogni passo. invece Forrest….Forrest corre…corre…..finchè gli va. e non gli interessa perchè o se corre dei rischi. lui corre…… :-)

“Non ci resta che piangere” invece mi riempie di allegria. Mi rende il senso del tempo…e sempre mi riporta in mente – che strano – la vacuità del nostro essere….perchè non mi è più possibile non pensare a quel film senza ridere e senza ricordare che Troisi non c’è più. Ecco….Non ci resta che piangere mette in me l’accento su cosa significa ridere…sorridere…..gioire….e ricordare che tutto quel che viviamo…bello o brutto …non è per sempre.

“Grease” è lo scrigno dove tengo la mia gioventu’ rubata…..e che esalta il mio amore per il cambiamento…per la trasformazione da crisalide in farfalla, da anatroccolo in cigno…e via dicendo. il giorno che non sorriderò più istintivamente pensando alla scena finale di lei impacciata e bellissima mentre schiaccia la sigaretta…bhè…quel giorno potete pure scrivere il mio necrologio funebre.

“Il club degli imperatori” invece..mette l’accento sui valori del mondo. E quando sento vacillare in me la determinazione…rivedo il volto di quel professore amareggiato e triste, sconfortato…….che ammette la sua sconfitta riflettendo sulla saggezza che lo studio della storia gli aveva trasmesso ….che forse mette in dubbio quello in cui crede….ma poi…sono proprio i suoi alunni a ribadire che invece non doveva mollare….anche se aveva commesso degli errori.

…il mio  film d’amore preferito???? tutti!!!!! su questo non si discute..hahahahhahah

buona domenica mondo!!!!

smackkkkkk

Commenti disabilitati

12 Set 2011

sono felice

Filed under Argomenti vari

in questo istante provo una profonda gioia. E’ figlia di un attimo di profondo sconforto dopo giorni di inquietudine.

Ieri ho fatto uno sforzo che è stato ripagato con tanta gioia da parte di mia madre….l’ho portata in visita parenti tutto il giorno e mi sono meritata ben quattro preziosissimi baci al rientro. Preziosissimi perchè mia madre è abbastanza avara di gesti d’affetto.

Ed oggi ho deciso di fare un’altro sforzo per giungere alla felicità altrui. Ho appena mandato una mail ad una cara amica….

E poi vedremo se la mia idea appena nata porterà ad un esito fortunato. intanto ho fatto la prima mossa. Come diceva MV non tutti siamo capaci di pagare la nostra felicità con le lacrime di qualcun’altro. Per estensione…..ci sta qualche momento di infelicità per rendere felici le persone care!!!!

e adesso mi metto solerte al lavoro….buona giornata a tutto il mondo!!!

 

p.s.: aggiunto 16.54 – tanto per memoria, io ci ho provato, non si dica che non ci ho provato. Certo è che in certe situazioni la mia forza di volontà è uguale a quella di una pappamolla….difficile andare contro corrente. Ma nel diario della vita dicasi che ho fatto un piccolissimo coraggioso tentativo…improduttivo…ma…cara Palli…io ho tentato!!

1 commento

Articoli precedenti »