Archive for Gennaio 2014

27 Gen 2014

oltre ciò che vedi…

Filed under Argomenti vari

Sono stata accusata abbastanza spesso di essere una sognatrice….e pensare che invece fino ad una decina d’anni fa ero una persona assolutamente razionale….inquadrata, rispettosissima delle regole e con i piedi piantati per terra. Affidabile. Una persona seria.

E le persone serie…non sognano. Lo sanno tutti. Le persone serie….si svegliano la mattina ed assolvono ai loro impegni senza grilli per la testa. E se pure un grillo saltella….le persone serie lo snobbano. Sei solo un “grillo”…non posso farmi distrarre. Ho da rispettare il mio ruolo, da percorrere il mio cammino facendo ben attenzione a non deragliare. Perchè deragliare…..è sbagliato. Ed io sono stata cresciuta con una frase ricorrente: non bisogna sbagliare mai, un errore ti rovina la vita.

Invece, imprevedibilmente…mi è accaduto. Sono uscita dai binari. Ho cominciato a percorrere strade sconosciute. Cadere, farmi male, essere senza orientamento, e ….sbagliare. Quanti errori. Ma quante cose ho imparato nell’errore? Ho imparato che esiste un mondo diverso dentro noi stessi. Uno, nessuno e centomila mondi. Non sapevo quando aprii il blog dandogli questo nome quanto esso potesse essere premonitore. Oggi…dopo anni di percorsi fuoristrada, ….dopo tanto scostamento e riaccostamento a me stessa, al mondo, ho ripreso ad essere razionale……ma ho imparato che è innata in me la meraviglia: la meraviglia del sogno, della speranza, della curiosità, della ricerca, del credere in qualcosa oltre me stessa, oltre i miei ristretti confini.

Io sono ben misera cosa in questo meraviglioso mondo…ma come misera cosa di una cosa meravigliosa…ecco che anch’io faccio parte del miracolo. Ed il miracolo più miracolo di tutti è il dono della vita. Anche ieri sera, guardando in tv braccialetti rossi….ho pianto.Ho pianto. Ho pianto ed ho ringraziato Dio per la mia vita. Per com’è. E stasera girovagando sul web…ho visto quest’immagine con allegata questa storiella….e mi sono meravigliata. Sento questa meraviglia illuminare e scaldare questa sera fredda…e la regalo a chi passa di qui….augurandomi che piaccia ai lettori quanto è piaciuta a me :-)

Nel ventre di una donna incinta si trovavano due bebè.

Uno di loro chiese all’altro:
- Tu credi nella vita dopo il parto?
- Certo. Qualcosa deve esserci dopo il parto. Forse siamo qui per prepararci per quello saremo più tardi.
- Sciocchezze! Non c’è una vita dopo il parto. Come sarebbe quella vita?
- Non lo so, ma sicuramente… ci sarà più luce che qua. Magari cammineremo con le nostre gambe e ci ciberemo dalla bocca.
-Ma è assurdo! Camminare è impossibile. E mangiare dalla bocca? Ridicolo! Il cordone ombelicale è la via d’alimentazione … Ti dico una cosa: la vita dopo il parto è da escludere. Il cordone ombelicale è troppo corto.
- Invece io credo che debba esserci qualcosa. E forse sarà diverso da quello cui siamo abituati ad avere qui.
- Però nessuno è tornato dall’aldilà, dopo il parto. Il parto è la fine della vita. E in fin dei conti, la vita non è altro che un’angosciante esistenza nel buio che ci porta al nulla.
- Beh, io non so esattamente come sarà dopo il parto, ma sicuramente vedremmo la mamma e lei si prenderà cura di noi.
- Mamma? Tu credi nella mamma? E dove credi che sia lei ora?
- Dove? Tutta in torno a noi! E’ in lei e grazie a lei che viviamo. Senza di lei tutto questo mondo non esisterebbe.
- Eppure io non ci credo! Non ho mai visto la mamma, per cui, è logico che non esista.
- Ok, ma a volte, quando siamo in silenzio, si riesce a sentirla o percepire come accarezza il nostro mondo. Sai? … Io penso che ci sia una vita reale che ci aspetta e che ora soltanto stiamo preparandoci per essa …
- Sarà ma io mi fido poco o nulla di quello che non vedo…

…..

credere in ciò che non vediamo…….è un grande dono.

buonanotte mondo, smack

1 commento

14 Gen 2014

viandante…

Filed under Argomenti vari

Tutto passa e tutto rimane
però il nostro è passare,
passare facendo cammini
cammini sopra il mare.

Mai ho cercato la gloria,
né di lasciare il mio canto
alla memoria degli uomini;
io amo i mondi delicati,
lievi e gentili
come bolle di sapone

Mi piace vederle quando si colorano
di giallo e carminio, volare
sotto il cielo azzurro, tremare
d’improvviso e poi scoppiare.

Mai ho cercato la gloria.

Viandante sono le tue impronte
la via e nulla più:
Viandante non c’e un cammino
si fa il cammino camminando.

Camminando si fa il cammino
e voltando indietro lo sguardo
si vede il sentiero che mai
si tornerà a calcare.

Viandante non c’è una via
ma scia sul mare …

Qualche tempo fa in questo luogo
dove oggi i boschi si vestono di spine
si sentì la voce di un poeta gridare
“Viandante non c’è cammino
la via si fa con l’andare…”

Colpo dopo colpo, verso dopo verso …

.Morì il poeta lontano dal focolare.
Lo copre la polvere di un paese vicino
Al momento dell’addio lo videro piangere.
“Viandante non c’è un cammino
la via si fa con l’andare…”

Colpo dopo colpo, verso dopo verso ..

Quando il cardellino non può cantare
quando il poeta è un pellegrino.
Quando a nulla ci serve pregare.
“Viandante non c’è cammino
la via si fa con l’andare…”

Colpo dopo colpo, verso dopo verso …

Perché chiamare cammini
i solchi del caso?
Tutto quello che cammina va
come Gesù, sopra il mare

Viandante, sono le tue impronte
il cammino e nulla più;
Viandante non c’è un cammino
la via si fa con l’andare…”

Camminando si fa il cammino
e girando indietro lo sguardo
si vede il sentiero che mai
si deve tornare a calpestare.

Viandante non c’è un cammino
ma le stelle nel mare …

Viandante, sono le tue orme
la strada, nient’altro;
Viandante, non sei su una strada,
la strada la fai tu andando.
Mentre vai, si fa la strada
e girandoti indietro
vedrai il sentiero che mai
più calpesterai.
Viandante, non hai una strada,
ma solo scie nel mare.
.

(Antonio Machado…varie traduzioni…)

Il viandante (Verdirosi)

 

 

 

 

 

1 commento

14 Gen 2014

bisogno di poesia e di bellezza

Filed under Argomenti vari

Dalla soglia di un sogno mi chiamarono…
Era la buona voce, amata voce.
- Dimmi: verrai con me a vedere l’anima?…
Una carezza mi raggiunse il cuore.
- Sempre con te… Ed avanzai nel sogno
per una lunga, spoglia galleria;
sentii sfiorarmi la sua veste pura
e il palpito soave della mano amica.

Antonio Machado

Era tanto che non avevo un così profondo ed impellente bisogno di poesia….e lei è venuta a me con questi splendidi versi che mi abbracciano e mi scaldano il cuore……grazie a questa musica fatta di parole che mi alleggerisce l’anima.

 

1 commento

14 Gen 2014

un mondo migliore?

Filed under Argomenti vari

 

2 commenti

13 Gen 2014

pensieri

Filed under Argomenti vari

La solitudine voluta, il mantenersi lontano dagli altri, è la forma di protezione più naturale dalla sofferenza che può derivare dalle relazioni umane

(S. Freud)

1 commento

10 Gen 2014

La guerra con la vita.

Filed under Argomenti vari

“Io so a memoria la miseria, e la miseria è il copione della vera comicità.
Non si può far ridere, se non si conoscono bene il dolore, la fame, il freddo, l’amore senza speranza…. e la vergogna dei pantaloni sfondati, il desiderio di un caffelatte, la prepotenza esosa degli impresari…
Insomma non si può essere un vero attore comico senza aver fatto la guerra con la vita….”
Antonio de Curtis
E’ eccezionalmente vero, chi attraversa momenti difficili nella vita spesso se ne salva usando l’ironia e l’autoironia….aiutano a far sorridere se stessi e a regalare un sorriso anche gli altri.
Così si riesce a vivere e non solo a sopravvivere!!!!
Tante volte attraversare delle difficoltà è una delle cose migliori che possa capitarci.
L’importante è imparare da quel che ci capita e renderci migliori.
un sorriso a tutti, baci baci

1 commento

02 Gen 2014

ed eccoti qui…

Filed under Argomenti vari

caro 2014.

Ogni anno che arriva lo vivo piena di aspettative, speranza.

Sarà che tutti i momenti bui attraversati nell’ultimo personale decennio mi hanno insegnato tanto.

Ho imparato che dopo ogni pioggia torna il sole, che dopo ogni inverno torna la primavera…e che questi non sono solo modi di dire, ma verità, apprese dagli esseri umani come me con l’esperienza.

Il non ritorno da situazioni buie lo determina lo scoraggiamento, l’arrendersi, il lasciarsi andare.

Quindi, con una sorta di saggezza ancestrale, mista a momenti di lecita preoccupazione, guardo ai giorni a venire e in questi giorni specificatamente ai 365 giorni di questo 2014.

Ho in cantiere dei progetti per questo anno. Cose semplici…che con un po’ di buona volontà, costanza e con il buon Dio che mi auguro mi strizzi l’occhiolino ci terrei a realizzare.

Forse le cose per le quali ho più preoccupazione e più ansia non riguardano me in prima persona…ma sono le più importanti: un’occupazione per mio figlio, tranquillità economica per le persone che amo, tanta salute per mia mamma.

Per quel che riguarda me….so fare economie…quindi mi faccio bastare poco e con poco vado avanti…dovrò migliorare ancor di più questa mia qualità soprattutto in previsione che le cose a livello economico non credo possano migliorare a breve, invece ci può essere la seria possibilità che peggiorino…quindi….attenzione al portafogli ancor più di prima. Sto già abbastanza a stecchetto…ma ….dato che non mi posso inventare entrate ulteriori il mio unico rimedio è imparare a campare con poco. Sembra un’altra vita su un altro pianeta che una decina d’anni fa su questo stesso blog scrivevo post su quanto sprechiamo…su quanti soldi venivano buttati su sciocchezze dettate solo dal consumismo.

Forse per la mia indole positiva…che deve sempre trovare qualcosa di positivo in tutto…potrei dire che un po’ di recessione non ci fa male: ci fa apprezzare di più una serata a casa con famigliari ed amici…quel bel calore di “focolare” domestico che prima guardavamo con un po’ di disprezzo invidiando coloro che invece se ne andavano a passare le festività in vacanza.

Una bella partita a Risiko, a carte, una tombolata…non hanno prezzo se le trascorri con il desiderio di stare bene con le persone che hai accanto e ci si scambiano sorrisi e risate con leggerezza…tanto i guai non ce li leva nessuno ma le risate ce le possiamo procurare da soli.

Insomma…anche se sono arrabbiata con questi qui al governo (magari un giorno, forse presto scriverò un post sugli “orrori” che incontro per lavoro sulla materia fiscale) resto positiva:

caro 2014….farò del mio meglio perché tu sia un anno che concluderò con segno positivo..ci puio scommettere!!!!!

bacissimi a tutti, smackkkkk

immagine tratta dal web

 

3 commenti